The Perks of Being a Wallflower – Recensione

Titolo originale: The Perks of Being a Wallflower
Titolo italiano: non è ancora stato tradotto
Autore: Stephen Chbosky
Anno: 1999
Editore: MTV Books/Pocket Books
Pagine: 231
Prezzo: non lo so, mi è stato regalato

Questo libro mi ispirava per svariate ragioni:
1) Il titolo. In italiano sarebbe una cosa del tipo “i vantaggi di essere invisibile”, perchè il termine wallflower in slang sta ad indicare una persona molto timida e decisamente non popolare, una persona che durante le feste sta appunto attaccata al muro per il disagio. Visto che non ho mai brillato per capacità di stringere amicizia facilmente e mi sono spesso sentita un po’ diversa da quella che doveva essere la norma, mi sono rivista nel titolo.
2) Il fatto che sia un romanzo epistolare sui generis. La storia è raccontata attraverso le lettere che il protagonista manda ad un destinatario anonimo, cambiando nomi per mantenere lui stesso l’anonimato.
3) Qualche citazione che avevo trovato qua e là su Tumblr.

Fatte queste considerazioni, la mia opinione è ancora un po’ confusa su questo libro, o meglio, sulla prima parte (non letteralmente, visto che il libro è suddiviso in parti) non ho critiche. Charlie è un ragazzino alle prese con il primo anno di scuola superiore, non ha amici ed è molto timido e introverso. Da timida e introversa mi sono ritrovata in alcuni suoi pensieri e credo che chi dovesse ancora avere 15 o 16 anni e sentirsi “strano” perché le altre persone vogliono così, dovrebbe leggerlo. Non c’è niente di male ad avere una sensibilità diversa dal resto del gregge. Ad un certo punto del libro, acclamato dalla critica per le tematiche di droga e omosessualità affrontate in modo mai superficiale, succede qualcosa (che non dirò per non fare spoiler). Ecco, da quel punto in poi ho cominciato a piangere, ma un pianto di una tristezza immensa, non un pianto dettato dalla commozione che poi ti fa stare meglio. Giuro che se ripenso a quel dettaglio sto ancora male. Tuttavia, è un libro che mi sento di consigliare a chi si sente un po’ un wallflower e a chi invece crede che le altre persone possano essere trattate psicologicamente a pesci in faccia. Magari leggetelo in un momento di calma interiore 😉

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...